L’etica del tatuaggio siberiano

La tradizione del tatuaggio siberiano ha una serie di regole etiche seguite sia dal tatuatore e sia da chi si marchia sulla pelle.
Queste regole servono soprattutto per salvaguardare l’integrità di questa tradizione, dei suoi simboli e della sua filosofia. 

Il tatuatore ha degli obblighi precisi che riguardano il suo lavoro, ad esempio non può rifiutare una richiesta di tatuaggio se viene presentata nel rispetto della tradizione, ad eccezione di casi di malore oppure di lutto.
Il tatuatore deve mantenere la riservatezza di ogni lavoro che esegue, tutte le informazioni personali che gli vengono confidate nel momento della creazione del tatuaggio sono mantenute in totale segreto. 
È il tatuatore che decide l’immagine e la posizione del tatuaggio, poiché è l’unico a possedere la capacità di interpretare e applicare la tradizione.
Nei casi di tatuaggi con una minore espressione di significato, il tatuatore può accettare la partecipazione di chi riceve il tatuaggio nella decisione sul posto dove verrà impresso e il soggetto da tatuare. 

Banner Libro

Il tatuatore non è un semplice artigiano che esegue tatuaggi, ma un confessore, una persona capace di trasformare in simboli le esperienze vissute dagli altri, rendendo in questo modo omaggio alla tradizione.

Questo ruolo richiede serietà e determinazione, il tatuatore deve essere sempre lucido e per questo motivo non condivide alcune cose del mondo esterno: non entra in rapporto con sostanze che possono provocare dipendenza, non è eccessivamente emotivo, non segue la politica e rifiuta ogni potere sopra sé stesso, perché al di sopra di lui esiste solo il potere della tradizione che tramanda.

Conosce il dolore e lo usa per raccontare storie di vita, conosce la morte perché diventando un “criminale onesto” è stato battezzato nella morte.
Ha rifiutato la vita e si è dichiarato morto, per non avere nessun interesse in questo mondo, oltre quello della sua tradizione.

Non conosce l’odio, l’invidia, la vendetta, ma si appoggia in ogni momento solamente alla giustizia come vuole la tradizione alla quale appartiene.
Vive senza contare il tempo, per lui non esistono né passato né futuro, la vita per lui è sempre nel presente, al di là del bene e del male.
Quando si decide di comunicare con un tatuatore siberiano è bene tenere a mente tutte queste cose.

Anche per indossare i tatuaggi siberiani sarebbe corretto seguire un certo comportamento etico.
Nelle immagini del tatuaggio, oltre al significato nascosto, appaiono simboli di carattere forte e spesso contraddittorio, che per le persone lontane dalla tradizione possono apparire minacciosi e offensivi.

È comunque importante non condizionare sé stessi e il mondo che ci circonda nel cambiare il proprio comportamento.
La cosa importante è che ognuno rimanga sé stesso, la tradizione non può e non deve trasformare una persona in quello che non è, così come un singolo uomo non può cambiare la tradizione.
Questi due elementi devono coesistere in armonia, solo così riescono a sopravvivere.

Il tatuaggio siberiano è un’importantissima disciplina educativa, in quanto rappresenta una materia iniziatica ed esoterica, un atto insolito che ogni singolo uomo compie per una propria ragione, perché sente la necessità di fare questo passo. 

LEGGI ANCHE: La tradizione del tatuaggio siberiano


Post precedente Post più recente